Il destino e le scarpe da ginnastica: il sabato di Manuel Bottino

Credo che Manuel Bottino, classe 1989, da Cosenza, aprendo gli occhi sabato mattina, 24 novembre 2018, tutto si aspettasse meno che quello che gli sarebbe poi accaduto nel pomeriggio!

Durante Italia-Nuova Zelanda, nella monotonia di una partita che, fin da subito, si era messa come poi è andata fino alla fine (io ne ho scritto qui: ITALIA-NUOVA ZELANDA… qualcosa è cambiato. ), un evento che è riuscito ad incuriosire il pubblico è stato il cambio di arbitro, che non è certo una cosa che capita di vedere spesso. Quante volte è successo? Online ho trovato un articolo che, proprio partendo dal caso di sabato all’Olimpico, riporta che si è trattato del quattordicesimo cambio di direttore di gara a partita in corso, in test del Tier 1, negli ultimi 106 anni.

Verso il 15′ del primo tempo, l’arbitro Andrew Brace si fa male ricevendo un colpo al ginocchio, prova a restare in campo ma, una decina di minuti dopo, deve alzare bandiera bianca e farsi sostituire. Grazie a questo evento raro quasi quanto il passaggio della cometa di Halley, il buon Manuel, poliziotto, ex flanker prima in Calabria e poi nelle Fiamme Oro, arbitro dal 2012, si è trovato a passare da quarto uomo a secondo assistente poichè, con l’arbitro non più in grado di continuare la partita, il primo assistente, Gauzère, è passato ad arbitrare (e non senza qualche brivido, visto che veniva da Italia-Australia), il secondo, l’irlandese Gallagher, ha preso il suo posto e Bottino è stato catapultato sul campo, con la bandierina in mano e con le scarpe da ginnastica che, nel trambusto del momento, sono rimaste ai suoi piedi fino all’intervallo, quando ha potuto, oltre che cercare di capire cosa gli stesse succedendo, anche mettersi gli scarpini!

L’ingresso in campo di Bottino ha significato anche, a catena, l’avanzamento di un altro arbitro italiano, Emanuele Tomò, da quinto a quarto uomo: si fosse fatto male anche Gauzère, la terna sarebbe diventata Gallagher – Bottino – Tomò e una giornata ovalmente nerissima per i nostri colori sarebbe diventata memorabile per il mondo arbitrale italiano!

Chissà cosa diceva l’oroscopo di Bottino per la giornata di sabato…!?

(Per la foto principale, grazie mille all’autore Pino Fama e a Manuel Bottino)

fortuna

2 pensieri riguardo “Il destino e le scarpe da ginnastica: il sabato di Manuel Bottino

  1. Gentilissima, trovo molto condivisibile la sua impressione.
    La invito pertanto a venirci a trovare presso il “Banchetto All Bluff”, in occasione del 6 Nazioni, dove di Rugby si parla ed anche con cognizione di causa (allenatori, dirigenti, arbitri, ex e giocatori, donne, uomini e bambini). Come se fosse ” Club House”.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...